berretto tunnel

 

  Berretto doppia apertura in lana lavorata ai ferri.
Filato Nuovo Irlanda colore 1608 indaco, ferri n. 5,5 per fascia di inizio e fine a costa 2/2, n.7 per la parte centrale lavorata a maglia legaccio.
Per la misura 64 ho avviato 64 maglie, le 2 fasce a costa 2/2 (2 maglie dritto e due rovescio) sono di 12 righe la parte centrale sono 94 righe lavorate tutte al dritto; la lunghezza totale è di circa 50 cm.

stivali rivestiti a maglia

  Un altro paio di calzature da restaurare, dopo le infradito viste lo scorso Giugno; ora che ci avviciniamo all’autunno parliamo di stivali. Come le infradito anche questi stivali avevano il rivestimento rovinato  e con l’aiuto di una spazzola a setole dure, molta pazienza e… l’inconveniente di unghie che si riempivano di polverina nera, ho rimosso la patina. 

Con della carta velina ho ripreso la sagoma della base più rigida e, partendo dalla foto, con l’aiuto del programma grafico, ho preparato lo schema di punti e diminuzioni. Non ho utilizzato un programma speciale per schemi di maglia, ma un semplice programma simile a photoshop in versione open source che si chiama GIMP.

Ho utilizzato lana merino nera e lavorato la base con ferri n°3, successivamente ho montato il lavoro sulla macchina per maglieria e completato la parte finale a costa 2/2. 

Tutto il lavoro non è stato immediato ci sono volute un paio di prove prima di trovare lo schema migliore, si poteva fare anche meglio ma ci sarebbe voluto molto più tempo.

Dimenticavo… la cucitura non è stata facilissima la parte di base è un po’ rigida e per far passare l’ago in alcuni punti mi sono aiutata con una pinza, in altri ho cucito passando l’ago solo sul tessuto di rivestimento.


Una mantella di lana ‘primaverile’

Un modello semplice ed essenziale fatta per essere indossata facilmente su diversi outfit. Non è difficile da realizzare. Ho utilizzato la macchina per maglieria ma si fa facilmente anche con i ferri poiché è solo maglia rasata. Ho preparato due pannelli rettangolari di 90 maglie x 150 righe (filato grosso).
Ho, poi, incrociato i due pannelli con un angolo di circa 40-45 gradi, e cucito gli angoli che si sovrappongono. Dall’immagine si dovrebbe capire chiaramente. Le tre fascie sono lavorate per 16 righe; per la più lunga ho iniziato con 48 maglie, 30 la seconda e 16 la più corta. Le maglie vanno diminuite, a dx e sx, di due ogni due righe (o una maglia a riga). Quindi le ho cucite alle due parti della mantella nel triangolo vuoto che si forma dopo aver cucito i due angoli.








Lo spillone è stato fatto con i fiori ad uncinetto e beaded beads che ho illustrato nel precedente post. Come base uno spillone da kilt, prima i fiori devono essere uniti fra di loro, il nastrino del fiore piccolo, posizionato sopra, viene passato al centro degli altri due e annodato. Dopo aver annodato i nastrini di raso dei fiori grandi intorno allo spillone ho fissato i nodi e i punti di contatto con della colla a caldo; se non si fissano i fiori girano o scivolano lungo la spilla.

un’altra baby copertina con borchiette

 Ecco un’altra copertina per neonati, anzi neonate, il modello è lo stesso della precedente con piccole differenze.
Misura 72×62 cm, filato di lana merino, fodera di cotone, il bordo anziché all’uncinetto è realizzato con nastro di raso, ma il ricamo a punto maglia è dello stesso genere. Stavolta il disegno di borchiette raffigura baby minnie.

Leggi tutto “un’altra baby copertina con borchiette”

maniche in maglia ai ferri

Maniche di maglia realizzate con filato di lana a tre capi di colore cammello (poco più di 2 gomitoli per ogni manica) utilizzando ferri n° 6 (lavoro avviato con ferri n° 5);la lavorazione principale è il catenaccio (un ferro al dritto uno al rovescio), decorazione centrale con intreccio di maglie (chain links-catena). Lo schema utilizzato per la catena l’ho preso dal sito vogue knitting, questo il link allo schema.maniche con schema catena

Leggi tutto “maniche in maglia ai ferri”