Pressa per fiori Fai Da Te

Sharing is caring!

E’ nel XVI Secolo che ha inizio l’uso di conservare campioni essiccati di specie vegetali allo scopo di formare erbari per lo più di piante ad uso medicale. Questi si affiancano ai già diffusi erbari illustrati.

 
Il nostro scopo di raccolta ed essiccazione, ben più frivolo (li utilizzeremo a scopo decorativo), ci porta a fare delle considerazioni sulla raccolta di quali tipi di fiori e in che quantità. Teniamo sempre nel dovuto conto il rispetto per specie rare e a rischio; ma teniamo anche in considerazione la modalità di rigenerazione e diffusione della pianta; non raccogliamo specie di cui vediamo solo pochi esemplari in una macchia o che non sono ancora in piena fioritura; è preferibile raccogliere fiori di arbusti piuttosto che fiori di campo; fiori che si riproducono anche per apparato radicale o per bulbi piuttosto che da seme.

Premesso ciò passo ad elencare i pochi materiali che ci servono per realizzare la pressa per fiori casalinga: 4 bulloni, i più lunghi che riuscite a trovare (io li ho trovati da 8 cm), 4 dadi a galletto e 8 rondelle, 2 tavolette di legno dello spessore di almeno 1 cm. Considerando che possiamo usare la pressa anche per la carta fatta a mano, consiglierei di prendere tavolette di legno di circa 4-5 cm più grandi di un formato A4. Poi servirà un trapano con punta delle dimensioni dei nostri bulloni o pochissimo di più (6-7 mm)

 

 
 
Evitare di fare una pressa troppo grande poiché la pressione delle viti poste agli angoli non è ottimale come quella che possiamo avere con un torchio con pressione centrale (soprattutto quando la usiamo per pressare la carta fatta a mano); limitiamoci quindi al meglio che possiamo ottenere con questo semplice attrezzo.

 

Dopo aver sovrapposto e legato le tavolette fare, con il trapano 4 fori alla distanza di 2 cm circa dagli angoli.
Dipingere le tavolette con flatting impregnante e impermeabilizzante, far asciugare, poi inserire una rondella per ogni bullone, inserire il bullone nelle 2 tavolette, quindi di nuovo una rondella sul bullone seguita dal dado a galletto.

questo è tutto per ora, buon divertimento e
alla prossima!

 

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *